SHARE

Scott Janish è un homebrewer americano appassionato di calcoli (I enjoy good beer, data, and hops). Sul suo blog ama pubblicare report che analizzano diversi aspetti quantitativi della birrificazione (over the past 2 years, I have maintained a database of each batch of homebrew I have brewed containing over 350 data points per batch).

Tempo fa, pubblicò un post che analizzava il contenuto di oli essenziali di diverse varietà di luppolo. Partendo da questi dati, ha costruito un algoritmo in grado di produrre un “indice di somiglianza” tra le differenti varietà di luppolo.

In questa sorta di calcolatore online ha messo al lavoro l’algoritmo: una volta selezionata una varietà di luppolo, il calcolatore ve ne fornirà altre cinque simili in termini aromatici, utilizzando come parametro di ricerca il grado di somiglianza (calcolato in base alle percentuali dei diversi oli essenziali nelle singole varietà).

Sicuramente non sarà preciso al 100%, ma mi sembra che i risultati non siano così lontani dalla realtà.

Scott Janish Hop Replacemente Calculator

SHARE
Previous articleChemiPro Oxi, acido peracetico o candeggina?
Next articleI profili delle acque storiche sono una bufala

Appassionato di birra e di pub da sempre (in particolare quelli di impronta irlandese), dal 2012 mi sono lanciato nel mondo dell’homebrewing. Ho iniziato con i ragazzi di Brewing Bad con impianto a tre tini, ora produco in casa con un piccolo impianto BIAB elettrico da 10 litri. Nel 2014 ho frequentato il corso da degustatore presso l’Associazione Degustatori di Birra (oggi UDB). Dal 2015 sono docente nei corsi organizzati da Fermento Birra. Scrivo di homebrewing su Fermento Birra Magazine e curo la rubrica “Il Fermentatore nell’Armadio” su Cronache di Birra. Da Luglio 2017 sono ufficialmente giudice BJCP.

1 COMMENT

  1. Molto utile vista la poca disponibilità di alcune varietà. Temo, essendo americano l’ideatore di questo calcolatore, che la maggior parte delle varietà presenti facciano riferimento a cultivar americane e non europee, con la possibilità che la quantità di oli aromatici sia ben diversa da quelli che compriamo noi homebrewer!
    Resta il fatto che me ne servirò avidamente 🙂

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here